I CARRI DEI RIONI: Porta San Giovanni

ASPETTANDO LA MAGGIOLATA: I CARRI DEI RIONI

LA FAVOLA DI CARMENCITA E DEL CABALLERO : LA PROPOSTA DI PORTA SAN GIOVANNI

Porta San Giovanni propone per l’edizione n. 81 della Maggiolata Lucignanese, il cui tema per la realizzazione dei carri allegorici  – come ben sappiamo – è un deferente omaggio alla trasmissione TV “Carosello” un’opera davvero godibile. Nel vasto campionario di questo fortunato format di mamma RAI, il Rione giallo verde ha pescato uno spot tra i più intriganti: Carmencita e il Caballero, ovvero la promozione del Caffé Lavazza. Una réclame risalente al 1965, frutto della geniale abilità di Armando Testa, un vero e proprio genio creativo che ha inaugurato una lunga fortunata stagione del settore pubblicitario in Italia.

Il carro di quest’anno è ancora una volta legato alla creatività riconosciuta di Giacomo Fabbri, capace di declinare al meglio il messaggio intrinseco del famoso spot in una versione molto speciale, fortemente caratterizzata da un riferimento pressoché costante all’esperienza artistica degli anni ’60. Ne sono tracce evidenti il rispetto rigoroso del bianco e nero, formule peraltro in uso all’epoca dello spot originale. Lo splendore del carro di Porta San Giovanni si evidenzia dunque nel confronto tra i due personaggi del cortometraggio, la ridondante Carmencita e il temerario Caballero misterioso. La stessa ambientazione qui riproposta ricalca in maniera sapiente l’atmosfera quasi metafisica della pubblicità televisiva, valorizzando la presenza delle due figure centrali. Nella loro semplicità costruttiva, i pupazzi conici Carmencita e  Caballero riescono a confermare la loro specialissima dignità di icone bellissime e riconosciute nel panorama pubblicitario. La lattina del Caffè Lavazza, unitamente al balcone che si erge come splendida quinta teatrale sono tutti elementi strategici di un episodio che si conferma assolutamente pregevole. La stessa riproposizione delle pareti (in autentico intonaco grezzo) che hanno la funzione di delimitare fisicamente la struttura del carro accresce e sviluppa la coerente attenzione ad una modalità ampiamente sperimentata dall’autore stesso dello spot. Altri dettagli costruttivi (il breve tetto dell’abitazione mexicana in tegole e coppi davvero autentici) di questo carro saranno di sicuro apprezzati dagli addetti ai lavori, in quanto aspetti non di mera finalità decorativa ma elementi essenziali di un contesto molto ricercato nella sua raffinata eleganza.

Siamo dunque di fronte ad una operazione di evidente recupero di uno stile che sollecita oltre ogni misura la straordinaria nuda bellezza del linguaggio di una promozione pubblicitaria tra le più ardite. Nonostante questo, il cantiere del Rione giallo verde puntualizza la presenza nel carro di oltre 17000 garofani e di altre essenze floreali che renderanno l’opera davvero spettacolare. Aggiungiamo pure che faranno bella mostra di sé 3 modelle, a conferma di un canone fortunato delle proposte costruttive della Maggiolata che puntano ad accompagnare al fascino dei carri allegorici lo splendore di ragazze in fiore. Quasi un’allegoria alla storia comica e struggente di Carmencita e del suo amato Caballero, pronti a fuggire per una fuga fatale in nome di un amore infinito…

Daniele Di Grillo, il Presidente del Rione Porta San Giovanni, ci ricorda con questa ennesima opera del suo effervescente cantiere l’impegno forte del popolo giallo verde in vista dell’appuntamento con la Festa dei fiori di Lucignano. Occorre peraltro ricordare che il Rione ha visto quest’anno un certo ricambio nella composizione dell’organico del cantiere: novità che il Presidente saluta come segno di vitalità di un popolo pronto ancora una volta alla sfida per la conquista del Grifo d’Oro.

Guido Perugini